Visite guidate

VISITE GUIDATE

vg parco

Girovagando

Le visite guidate sono momenti di approfondimento su temi diversi che si svolgono sul campo.

Castelli, torri, masserie,

vg cast vg torr vg mas

oppure boschi, macchia mediterranea, gariga,

vg bosc vg macc vg gar

una città, un borgo, un’area archeologica

vg borgo vg citt vg arc

o magari un parco, un giardino, una costa.

vg mare vg giard vg costa

Di giorno, di notte e in grotta.

vg bosco vg nott sc v 2

Tanti i motivi di interesse offerti dal Salento e dal resto della Puglia.

vg coda

Qualche idea urbana

Lecce, la città bionda: La pietra leccese è una calcarenite marnosa che ha fatto di una perla imperfetta una grande forma d’arte: il Barocco. Ma Lecce offre molto di più, dalla città messapica a quella romana e via via fino ai nostri giorni sorprese ed emozioni, luci e riflessi nel cuore del barocco leccese.

Otranto e i suoi quartieri rupestri: 1 castello, 2 condottieri schierati su fronti opposti, 800 martiri, 1000 leggende. I numeri di Otranto sono molti ma non fanno la storia, come invece i personaggi che hanno amato e vissuto questo piccolo borgo e i suoi quartieri rupestri facendone la capitale di una grande regione: la Terra d’Otranto.

Otr x bl 2

Gallipoli, isola e penisola: La città bella deve il suo splendore all’oro ruvido di una pietra preziosa che si chiama carparo. I giochi, gli intarsi e i riflessi di questa pietra si confondono, tra i vicoli cittadini, con la lucentezza di un altro gioiello, la scapece, cibo tutto da scoprire e assaporare seduti in faccia al mare.

Nardò, la città ribelle: dalla preistoria ai giorni nostri Nardò ha vissuto a lungo da protagonista, arrivando addirittura a proclamarsi “repubblica”. Molte le architetture di pregio del centro storico: palazzi, chiese, archi, piazze e le splendide porte intagliate nel legno.

La Grecìa salentina: “Kalos irtate”, benvenuti. Così ci accoglie la Grecia e con questo spirito di ospitalità diffuso ne attraversiamo le coorti, i palazzi, le masserie, i boschi, i castelli, frantoi, le chiese, le pozzelle e i suoi megaliti. 9 comuni ricchi di storia, ognuno con un gioiello speciale da visitare.

Idee extra moenia

Le masserie: Di grande valore architettonico, storico e culturale le masserie sorgono nelle campagne salentine raccontando storie di ricchezze difese e continui attacchi per portarle via. Le masserie disegnano il paesaggio, lo costruiscono e lo caratterizzano, custodendone storia e identità.

I giardini di Torre Castiglione: Quelle che ieri erano grotte attraversate dall’acqua di falda, a causa del crollo della volta oggi sono laghi costieri di natura carsica di cui possiamo seguire l’evoluzione e la colonizzazione animale e vegetale. La natura si fa giardino.

Tcast x bl

Le torri costiere: Innalzate a difesa dell’oro di Puglia si ergono tuttora ricche di fascino e storia per il nostro piacere di ammirarle, in bilico tra terra e mare, tra il presente e tutto il loro passato.

La necropoli di S. Maria al Bagno e la grotta del Fico:
Luogo di rifugio durante la seconda guerra mondiale ma anche sito frequentato già dai Messapi e prima dall’uomo neolitico, conserva il fascino selvaggio della natura e le contraddizioni dell’era moderna

Cerrate e gli ulivi millenari
Il Salento a nord è più silenzioso e la sua storia feudale traspare dalle grandi distese olivate tra le quali, ad un certo punto, spunta un bosco che ci parla di monaci, soldati e onde marine.

Attraverso il paesaggio

Le visite guidate estive nel parco “Porto selvaggio e Palude del Capitano” e dintorni – NARDÒ

Entriamo nel parco di Porto selvaggio e Palude del Capitano: i profumi ed i colori della macchia mediterranea ed il fascino della storia dell’uomo – da S. Caterina all’Alto e alla baia di Portoselvaggio e ritorno

AP x bl

Baia di Uluzzo: la preistoria neretina – da Uluzzo alla grotta del Cavallo e ritorno

AP x bl ULU

Terra di Mezzo: il parco cresce e si rinnova – da Uluzzo verso Lu Rinaru e ritorno

uluzzo

La Palude del Capitano: ricchezze e rarità botaniche tra le spundurate – dalla palude verso il mare e ritorno

AP x bl PdC

Il canalone d Santa Maria: tombe messapiche e grotta del fico – dalla necropoli alla grotta lungo il canalone e ritorno

AP x bl GdF

Le favole della luna piena: notturna a Portoselvaggio in compagnia delle storie che parlano della luna

ap not S2

Le stelle cadenti nel mito: notturna a Portoselvaggio con il naso all’insù

Notturna STELLE CADENTI AV

http://www.avanguardie.net

https://www.facebook.com/Avanguardie

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...